Il Modern Data Center come abilitatore dell’ IT Transformation

Velocità, flessibilità e affidabilità senza compromessi

Ogni azienda possiede strategie di innovazione che differiscono per tempi e modalità ma tutte, a prescindere dal perimetro di appartenenza, devono fornire ai propri utenti servizi e applicazioni in tempi ristretti in grado di rispondere efficacemente sia alle criticità che alle nuove opportunità di business.

La scelta della corretta architettura finalmente svincolata da silos infrastrutturali e applicativi è fondamentale. La chiave per il successo è l’implementazione di modelli ibridi, con  sistemi aziendali che si integrano perfettamente con il cloud – sfruttando economicità, facilità d’uso, velocità ed elevata scalabilità.

Solo le più moderne infrastrutture sono in grado di garantire elevatissime performance, perfetta integrazione dei building block (es. computing, storage e networking), innata modularità, flessibilità estrema, throughput di rete efficiente, capacità di gestione di workload tradizionali ed emergenti.

Per essere un reale abilitatore di trasformazione un Modern Data Center deve essere pensato come tale fin dalle sue fondamenta.

Ciò significa (ri)progettare le infrastrutture tradizionali accanto alle infrastrutture di nuova ingegnerizzazione, come le soluzioni convergenti o iperconvergenti. L’introduzione di questi “blocchi” nella solida costruzione del Modern Data Center permette di ridurne la complessità, essendo uno dei maggiori rischi che si manifestano in questi scenari. La semplificazione e l’automazione delle operazioni, dei processi e dell’ambiente IT non è quindi solo un’opzione di carattere tecnologico ma deve essere una vera e propria scelta di business.

  • Quali sono le direttrici di questo processo evolutivo?
  • Quali sono le tecnologie, le soluzioni e i prodotti che possono abiltare questo percorso di cambiamento?
  • Quali gli elementi best of breed su cui basarsi in ambito server, storage e networking?

Le risposte sul nostro sito

Gianluca Colombo

About the Author: Gianluca Colombo

System Engineering, Senior Manager