La tua infrastruttura server è pronta per l’apocalisse zombi?

La tua infrastruttura server è stata equipaggiata per combattere l’apocalisse di zombi? Non stiamo parlando di server di zombi oziosi e privi di energia. O zombi VM. O zombi computer. Stiamo parlando di mostri putrefatti, mangia-cervello e sonnambuli. Sì, quel tipo, il genere che popola la “Guida di sopravvivenza di Zombie” di Max Brook.

Te lo chiediamo perché è necessario un pensiero non convenzionale per sopravvivere a un’apocalisse zombi e per ispirare il modo in cui prepari la tua infrastruttura server per la trasformazione digitale. Gli zombi, infatti, rappresentano una metafora eccellente per imparare a sopravvivere quando regna il disordine, quando le regole del vecchio mondo non sono più valide. “Essere preparati o essere cibo per zombi” trasmette lo stesso messaggio di “mantieni il business di rilievo in modo da poter superare la concorrenza“.

Primo passo nella tua preparazione, scopri a cosa stai cercando di sopravvivere. Proprio come quando il virus Brooks dice “Solanum” per trasformare le persone in zombi, i tre contagi descritti di seguito possono far diventare la tua infrastruttura uno zombi – renderla senza vita, apatica e insensibile. Ma non farti prendere dal panico, forniamo anche diversi consigli pratici sulla sopravvivenza.

Primo contagio: stack dell’infrastruttura inflessibile

Le organizzazioni capiscono che la digitalizzazione delle imprese offre enormi opportunità. Ma la maggior parte non è nata “digitale”. Hanno bisogno di modernizzare e trasformare i processi aziendali, le applicazioni e l’uso dei dati in modi che non erano originariamente previsti quando la loro infrastruttura server è stata costruita. Due degli ostacoli più comunemente citati che rallentano il progresso digitale sono “budget e risorse insufficienti” e “infrastruttura che non funziona alla velocità degli affari”. Proprio come gli zombi “che non si adattano e non pensano [i], “Le infrastrutture legacy possono essere rigide, lente e difficili.”

Suggerimento per la sopravvivenza: investi in tecnologie scalabili e adattabili

Per affrontare e accelerare il passo per la modernizzazione, poni maggiore enfasi sulla scalabilità, flessibilità e agilità della tua infrastruttura. Cerca l’economia favorevole sia per rimanere competitivo sia per favorire l’innovazione.

Con le prestazioni per supportare le applicazioni di oggi, i server Dell EMC PowerEdge di quattordicesima generazione hanno scalabilità per crescere e adattarsi rapidamente per soddisfare le esigenze aziendali e di carico di lavoro in continua evoluzione. Il portfolio è stato migliorato per aumentare le prestazioni e i tempi di risposta, consentire un’implementazione semplice e rapida e personalizzare le configurazioni di elaborazione e archiviazione in base alle esigenze specifiche. E se sostituisci i tuoi server di 3 anni [ii], i nuovi server costeranno il 59% in meno per i prossimi 3 anni. I costi dell’infrastruttura IT saranno ridotti del 61%, rendendo quindi possibile l’innovazione.

Secondo contagio: manodopera, talento e carenza di competenze

IDC afferma che “entro la fine del 2019, il 70% delle aziende impegnate negli sforzi di trasformazione del data center farà fatica a tradurre le esigenze aziendali in investimenti IT e piani operativi efficaci. [iii]” Questo probabilmente perché non hanno il diritto e le competenze necessarie per costruire ed eseguire una trasformazione efficace. [iv] Questa è una sfida per molte aziende, ma soprattutto per quelle con un’infrastruttura server legacy. I team responsabili dell’infrastruttura IT dedicano molto più tempo alle attività di supporto e manutenzione di routine, tempo che potrebbe essere meglio utilizzato per supportare l’innovazione o l’espansione aziendale.

Suggerimento per la sopravvivenza: migliora l’efficienza operativa e la produttività

Per ridurre o addirittura eliminare il tempo impiegato dal personale IT per le attività di supporto e manutenzione di routine, semplifica le tecnologie di automazione e aumenta l’uso della gestione scalabile e dell’auto-provisioning.

La gestione intelligente dei server PowerEdge ti consente di controllare il ciclo di vita IT, di garantire la disponibilità dei server e liberare lo staff IT dalla manutenzione quotidiana. (Come affermato in “La guida di sopravvivenza degli zombi”, “Ci possono essere momenti in cui sembra inutile inviare un intero team per svolgere il lavoro di una persona.”[v]) La tecnologia incorporata nei server PowerEdge insieme agli strumenti Dell EMC OpenManage consente al server di prendersi cura di se stesso, automatizzando l’implementazione e la manutenzione continua. Il controller di accesso remoto integrato Dell (iDRAC9) con Lifecycle Controller velocizza il lavoro di aggiornamento, monitoraggio e gestione con la sua integrazione OpenManage Enterprise e altre console come Microsoft System Center e VMware vCenter. ProSupport Plus e SupportAssist offrono una tecnologia di supporto automatizzata e consente una risoluzione e reportistica fino al 90% più rapida.

Terzo contagio: sicurezza e cyber risk in accelerazione

Proprio come la trasformazione digitale sta cambiando le industrie e creando opportunità, attrae anche una nuova classe di avversari. Per molti professionisti IT, i problemi di sicurezza, tra cui il crimine informatico, lo spionaggio e il malware, sono le principali sfide della trasformazione digitale [vi]. Il potenziale per tempi di fermo del sistema, perdita di produttività, mancati guadagni, dati danneggiati e reputazione aziendale danneggiata sono tutti motivi per la preoccupazione continua e crescente. “Evitare ‘incidenti’ in procinto di accadere. [Vii]” La sicurezza dei data center è fondamentale per il successo aziendale e la sicurezza dell’infrastruttura server è altrettanto fondamentale.

Suggerimento per la sopravvivenza: crea un’infrastruttura server stabile e sicura

Sicura attraverso soluzioni integrate. Passa dalla sicurezza basata su autorizzazioni a un approccio di gestione del rischio basato sull’intelligence che rende più flessibile la sicurezza e riduce la quantità di rischio.

Per Dell EMC, la sicurezza è il punto di partenza, non un ripensamento. Le funzionalità integrate dell’architettura di sicurezza cyber ai server PowerEdge sono progettate da zero in conformità con il Security Development Lifecycle (SDL), una solida metodologia che è parte integrante della nostra progettazione hardware e firmware. La soluzione di sicurezza end-to-end blocca gli attacchi malevoli attraverso una parte hardware di fiducia, le chiavi immutabili bruciate nel silicio autenticano l’avvio del server e il firmware. Altre protezioni includono il blocco dell’immagine del sistema, una funzionalità all’avanguardia del settore che impedisce le modifiche alla configurazione che creano vulnerabilità di sicurezza ed espongono dati riservati e password predefinite. Il rilevamento affidabile è fondamentale per individuare rapidamente attività dannose. Ciò include la protezione del firmware e della configurazione, la registrazione degli eventi e l’avviso sicuro se viene rilevata un’attività anomala. Ulteriori funzionalità di ripristino rapido di Dell EMC possono, se necessario, ripristinare operazioni critiche su una base affidabile. Queste funzionalità includono il ripristino automatico del bios e il ripristino rapido del sistema operativo. Oltre ad impedire che dati sensibili finiscano in mani dannose, la cancellazione sicura del sistema Dell EMC consente all’IT di cancellare in modo sicuro e istantaneo i dati utilizzando tecniche crittografiche.

Non fare da solo

Ci auguriamo che tu voglia utilizzare questa guida di sopravvivenza per prevenire che l’infrastruttura del tuo server diventi uno zombi. E come scrive Brooks, “Lavorare insieme, sempre insieme, ha dimostrato di essere l’unica strategia di successo per annientare un esercito di non morti. [Viii]” I server Dell EMC PowerEdge sono qui per te.

Deb Sheedy

PowerEdge Product Marketing

[i] Max Brooks, The Zombie Survival Guide, Complete Protection from the Living Dead (New York, NY, Broadway Books, 2003)

[ii] Matthew Marden and Ashish Nadkarni, “Accelerate Business Agility with Faster Server Refresh Cycles, #US42505917” (IDC, May 2017)

[iii] Cushing Anderson, “Digital Transformation:  The CIO’s Sills Imperative” (IDC Blog, February 2018)

[iv] Ibid

[v] Brooks, 130

[vi] HelpNetSecurity, “Security concerns remain a top challenge for digital transformation” (Retrieved from http://www.helpnetsecurity.com on 3/28/18)

[vii] Brooks, 86

[viii] Brooks, 125

Deb Sheedy

About the Author: Deb Sheedy

Deb Sheedy is a product marketing consultant for Dell EMC PowerEdge servers, with responsibility for modular infrastructure and server operating system solutions. Deb’s prior work at Dell covers enterprise storage and data protection solutions marketing. Her prior work experience includes server, workstation, and Java software solutions at Sun Microsystems, as well as ecommerce solutions at iPlanet.